Stampare libri, riviste, cataloghi on line per editori

Stampa libri online per editori

Stampare libri on line è la nostra specializzazione, per andare incontro alle nuove esigenze del mercato dell’editoria.
La stampa su richiesta (in inglese print on demand) è molto apprezzata soprattutto dalle piccole case editrici per pubblicazioni di nicchia, perché prevede la realizzazione di un libro dietro ordinazione anche di una sola copia. La stampa su richiesta avviene in modalità digitale, garantendo comunque un’elevata qualità di stampa.
Rispetto al processo tipografico tradizionale in offset, i vantaggi riguardano l’abbattimento dei costi relativi ai passaggi intermedi (impianti, pellicole, lastre, avviamento macchine) necessari alla trasformazione di un file di testo in un libro e, soprattutto, la rapidità di esecuzione.
Pertanto, la stampa on line è molto utilizzata dalle case editrici per evitare rischi di magazzino, preservandosi da eventuali mancate vendite, e riducendo i tempi di consegna.

Il processo per avviare una stampa on line su BDprint.it è molto semplice. L’editore dopo aver effettuato un primo ordine, calcolando gratuitamente un preventivo, ha la possibilità di avere una propria vetrina, in cui può gestire tutti i preventivi calcolati per la stampa dei suoi libri, riutilizzandoli in caso di ristampe.
In questo caso, i files vengono conservati su un server pronti per la stampa, ordinabili ogni volta dall’editore. Le spedizioni dei libri stampati sono effettuate direttamente dal nostro servizio di spedizione.

Stampare libri on line è probabilmente il nuovo scenario per l’ editoria del futuro, e siamo certi che saranno sempre di più gli editori che intraprenderanno questa strada.

La rilegatura più adatta alla tua pubblicazione

Stampa, rilegatura e allestimento on line di libro cartonato, brossura fresata, brossura cucita, punto metallico, spirale

La rilegatura di un libro contribuisce al suo successo, proprio per questo vogliamo parlare in questo articolo delle varie tipologie.
Partiamo dal termine brossura, un tipo di rilegatura adatta a volumi, brochure e stampati che superino i 2-3 millimetri di spessore.
Vi sono due tipi di brossura: fresata e cucita o filo refe.
Nel caso della brossura fresata, le pagine, una volta stampate e raccolte, vengono “fresate” (tagliate con una fresa) dal lato della piega per poi essere incollate sul dorso del libro.
Per mezzo del taglio, la colla poliuretanica penetra a margine delle pagine, per permettere una maggior tenuta del libro, successivamente rifilato sui tre lati.
La brossura cucita o filo refe, invece, consiste nel cucire le segnature ( gruppi di pagine piegati e cuciti tra loro denominati ottavi, dodicesimi, sedicesimi, ventiquattresimi o trentaduesimi, a seconda di quante pagine sono composte) con un filo di cotone, lino, canapa o altro materiale sintetico e successivamente incollate sulla copertina.
Rispetto alla brossura fresata, la cucita permette una tenuta nel tempo nettamente maggiore, questo giustifica i suoi costi più elevati.

Se abbiamo la necessità che il nostro libro rimanga aperto in una determinata pagina, l’allestimento più adatto è certamente la spirale.
Utilizzata soprattutto nel caso di calendari, agende, dispense, block notes, cataloghi, listini, presentazioni aziendali, l’allestimento prevede che le pagine vengano sovrapposte e bucate sul margine, con fori egualmente distanziati tra loro e rilegate per mezzo di una spirale metallica di diveri colori.

Lo spillato o punto metallico è sicuramente la più semplice tra le tecnologie di rilegatura e si usa per pubblicazioni composte da un numero esiguo di pagine che non necessitano, quindi, di dorsetto. Si ottiene accavallando più fogli stampati e spillandoli nel mezzo con due punti metallici.
Ideale per libretti, cataloghi commerciali, brochure con un numero di pagine inferiore alle 40.

L’allestimento cartonato che ha caratterizzato a lungo l’editoria per ragazzi e i libri d’arte, conferisce al tuo libro l’importanza delle edizioni di pregio.
La copertina cartonata è composta da una plancia di carta o di altro materiale, che riveste un cartone rigido costituito da tre parti: il piatto anteriore della copertina, il dorso e il piatto posteriore del libro.
Dovendo la plancia rivestire il fronte e il retro della copertina essa dovrà essere più grande del formato del volume questo per permetterle di ripiegarla.
L’interno del blocco libro viene incollato al dorso e vengono incollate sia all’inizio che alla fine di un prodotto due pagine, chiamate risguardie o risguardi, solitamente bianche, ma possono anche essere stampate.
Per il cartonato è possibile inserire anche una sovraccoperta, ovvero uno stampato sulla faccia esterna a più colori, con cui si riveste, sia per ornamento che per protezione, il cartonato.

Leggere

memoria

Cosa succede al nostro cervello quando leggiamo un libro?

Una ricerca svela tutti gli aspetti cognitivi e comportamentali legati alla lettura

Cosa succede al nostro corpo e, soprattutto, al nostro cervello quando iniziamo a leggere un libro? Come cambia il nostro approccio alla vita dopo settimane, mesi o, addirittura, anni? Una ricerca svela tutti gli aspetti cognitivi e comportamentali legati alla lettura.
Una ricerca dell’Università della Virginia ha tentato di rispondere scientificamente a queste domande. Lo studio della ricerca americana ha evidenziato tutti gli aspetti neurologici e cognitivi legati all’atto di leggere libri e e-book in un lasso di tempo che va dai 10 minuti a tutta la vita. Dopo i primi minuti, circa dieci, si ha un’istantanea stimolazione del nostro apparato sensoriale, in particolare l’olfatto, la vista e il tatto vengono colpiti da nuovi impulsi che eccitano il cervello e provocano un primo flebile disorientamento. Dopo circa mezz’ora, questi stimoli si amplificano, portando il lettore a provare allucinazioni uditive e visive. In parole povere, si viene catapultati in un altro mondo e comincia così un rapporto più fisico con il libro. Si segnano le frasi, si sottolineano periodi, si piegano le pagine. Dopo circa un’oral’esperienza è totale. Il lettore può arrivare a provare stati emotivi ben definiti, come dolore, felicità, malinconia.
Comincia così a generarsi un collegamento empatico con i personaggi del libro e l’effetto collaterale più comune è quello di smettere di leggere e fissare un punto indefinito davanti a sé. Si è esposti a idee e situazioni nuove che generano una più profonda conoscenza della condizione umana, in altre parole, si comincia a imparare. Dopo un’ora il libro è parte integrante del lettore che difficilmente lo abbandona volentieri. Dopo giorni, settimane o mesi, la lettura è ormai terminata e nel lettore permane una sorta di malinconia. Alcune persone rileggeranno il libro più volte alla ricerca di quelle sensazioni che sono riuscite a smuoverle. Altre, invece, proveranno l’impulso di tornare indietro, al momento prima di leggerlo, evitando così di cadere in riflessioni troppo complicate. Dopo molti anni, leggere libri è diventata un’abitudine dalla quale è quasi impossibile distaccarsi. Inizia così un ciclo di letture che durerà per tutta la vita.

Fonte: UrbanPost

Social Book Day 2015

Una giornata per promuovere la lettura in rete

Libreriamo.it lancia la terza edizione del Social Book Day, la giornata dedicata ai libri sui Social Network

Nell’era dei social network un invito alla lettura globale, che parte dalle pagine e dalle community dedicate ai libri per poi coinvolgere tutti. Quella di quest’anno è la terza edizione. Nel SocialBookDay i nuovi canali digitali si fanno portatori e sostenitori di un fine sociale molto importante: leggere di più. L’iniziativa, ideata e sostenuta dal sito #Libreriamo, la piazza digitale per chi ama i libri e la cultura, coinvolge tutti i protagonisti della cultura digitale: le diverse pagine Facebook dedicate alla lettura ed alla promozione della cultura italiana, i profili Twitter dei protagonisti del mondo editoriale italiano ed internazionale, youtuber, blog, community e forum dedicati ai libri.

“Da oltre tre anni stiamo impiegando risorse ed energie a favore della promozione della lettura e dei libri – afferma Saro Trovato, sociologo e fondatore di Libreriamo – anche grazie al sostegno e la condivisione del nostro progetto da parte delle diverse community dedicate ai libri e alla lettura. Il fine di questa iniziativa è unirci tutti insieme a sostegno della cultura italiana, rendendo protagonisti per primi gli utenti-lettori, i quali saranno invitati in prima persona a manifestare il proprio amore per la lettura attraverso gli strumenti messi a disposizione dai diversi canali e community social”

Come si legge nel comunicato ufficiale, protagonisti di questo terzo Social Book Day sono i booklovers ed i culturelovers, gli amanti della cultura e dei libri, invitati sulle diverse piattaforme social a inviare un loro pensiero e una immagine virale, al fine di ribadire il proprio amore per la lettura ed a sostenere l’importanza della cultura. Basta twittare o pubblicare su Facebook e su tutte le altre piattaforme una frase personale, un pensiero, una citazione del proprio autore preferito, un claim a sostegno della lettura e dei libri e in cui sia sempre presente l’hashtag #socialbookday e con la mention @Libreriamo. Gli interventi più originali, divertenti, emozionali diventeranno oggetto del manifesto della terza edizione del Social Book Day, che Libreriamo realizzerà e che cercherà di far vivere dentro e fuori la rete. Scopo della giornata è proprio quello di portare avanti una campagna di sensibilizzazione che accomuna le diverse community dedicate ai libri, che nasce dagli stessi booklovers (amanti dei libri).

Buon #socialbookday a tutti!

BDprint.it su Instagram

Seguendo l’onda del visual storytelling abbiamo creato il nostro account Instagram @bdprint.it

Lo utilizziamo per raccontare una storia. La nostra storia. Per farvi vedere cosa e chi c’è dietro BDprint.it.

Vi mostriamo e continueremo a mostrare il processo di stampa, l’allestimento, i materiali, le carte, le persone che ogni giorno lavorano affinché i volumi arrivino a destinazione. Comunicare con le immagini è il modo migliore per comunicare, e voi Editori lo sapete bene.

Il linguaggio visivo è quello che fa scegliere un libro piuttosto che un altro, il linguaggio visivo è quello in grado di far scattare la scintilla ogni volta che siamo indecisi.

Seguiteci allora sui nostri canali social, vi faremo partecipi delle nostre giornate.

Se vi va fotografate i vostri libri e utilizzate l’ashtag #bdprintit, saremo felici di condividere le vostre immagini, perché i Vostri libri sono anche un po’ nostri… pecchiamo di presunzione!

piccole pubblicazioni

volumi

Cartonato

allestimento cartonato

incollaggio

ritagli

brossura fresata

stampa interni

 

Questione di fiducia

 

È solo una delle situazioni tipo che ci si presentano con maggior frequenza. È chiaro che le esigenze del mercato sono cambiate, i tempi sono sempre più brevi e l’aspettativa del cliente sempre più alta. In questa ‘epoca’ caratterizzata da massimizzazione dei risultati nei tempi più brevi possibili abbiamo deciso di accettare la sfida.

Come ci siamo riusciti? Abbiamo creduto nelle potenzialità del web. Essere la tipografia di fiducia pur essendo distanti chilometri iniziava ad essere possibile. Abbiamo investito nella migliore tecnologia, sia per la stampa in bianco e nero, sia per quella a colori. Sapevamo di avere il personale giusto per svolgere l’intero ciclo produttivo. È così partita una nuova avventura, quella di BDprint.it.

È nato il nostro primo portale, poi un secondo ed oggi, siamo felici di presentare il terzo dove abbiamo scelto di focalizzarci solo ed esclusivamente sulla stampa editoriale. Grazie alla fiducia di chi sin dall’inizio ci ha scelti e continua a farlo. Progettiamo, impaginiamo, stampiamo, rileghiamo e tanto altro. Ci rivolgiamo alle Case Editrici in prevalenza e a chi ha necessità di stampare volumi più o meno piccoli, In piccole o grandi quantità alla medesima qualità.

Abbiamo deciso di arricchire il portale con questa sezione dedicata a suggerimenti ed approfondimenti, sperando di alimentare un dibattito sulle tecniche di produzione del libro, sull’editoria, sulla lettura e su tutto ciò che ruota attorno al mercato editoriale.

Speriamo di crescere ancora grazie ai vostri suggerimenti, commenti ed osservazioni.